20 ottobre 2014

Una nota di colore #11 - Linkin Park "Hybrid Theory"

Musica è arte, musica è vita, musica è colore.
La musica può essere il filo invisibile che lega le persone, che consente loro di scoprire e di scoprirsi. Può essere confronto, accordo e disaccordo.
La musica è storia ma anche moda, insegnamento e intrattenimento.
"Musica" è la parola chiave di questa nuova collaborazione, che vede, di nuovo, 
affiancato MikiInThePinkLand a LAisMyDream.
"Una nota di colore" è il nostro modo di raccontarvi qualcosa di noi, un modo per conoscerci e per farci conoscere. Una sorta di "get ready with me" che tanto va in voga su YouTube, con la differenza che il risultato finale è dettato unicamente dalla musica.
In questi dodici appuntamenti mensili, vogliamo fare un viaggio alla scoperta dei nostri album preferiti, raccontarveli, condividere con voi il ruolo che essi hanno o hanno avuto nella nostra vita e, ad ogni album, abbineremo un trucco e vi mostreremo i prodotti utilizzati.
Spero che l'idea vi piaccia come è piaciuta a noi, che la coltiviamo ed elaboriamo da oltre un anno.
Ogni secondo lunedì del mese, quindi, vi aspettiamo qui a cantare e truccarvi con noi!


Ciao ragazze, con un mesetto di ritardo rispetto alla tabella di marcia eccoci qua con il penultimo album della rubrica, oramai siamo agli sgoccioli ç_ç

La scelta questo mese è toccata a me ed inizialmente non era caduta sui Linkin Park ma sui Red Hot Chili Peppers, per l'esattezza "Californication" poi però qualche tempo fa ho deciso di cambiare, stavo parlando con Miki e mi sono resa conto che essendo i Linkin Park un gruppo che piace tantissimo ad entrambe, avremmo dovuto fare un post extra della rubrica, poi però mi sono detta "Patri, wait, tu hai già fatto l'album di Frusciante, farlo anche dei Peppers potrebbe essere troppo, meglio scegliere i Linkin" ho avvertito Miki e si è trovata in accordo con me, quindi eccoci qua con "Hybrid Theory" in assoluto il primo vero album tosto che ho comprato.


Ho conosciuto i Linkin tramite il video "In the end" come penso sia successo alla maggior parte delle persone e mi sono innamorata follemente sia del video che della canzone, tant'è che come sento le prime note mi viene voglia di cantarla ahahah, non vi dico la felicità di mia madre e mia sorella quando comprai l'album e lo ascoltavo e cantavo tutto ogni giorno, rigorosamente con il booklet in mano per leggere il testo perché 14 anni fa ancora non lo sapevo a memoria, ma ci è voluto poco :)

I Linkin Park per chi non li conoscesse, sono fondamentalmente un gruppo rock, ma hanno creato un mix esplosivo associando alla durezza del rock, sia il rap che il pop, infatti spesso vengono inseriti in quest'ultimo genere anche se secondo me proprio non ci azzecca nulla, perlomeno non con il pop che intendo io (Katy Perry, Lady Gaga ecc..)


"Hybrid Theory" è un album cupo, "Papercut" un'altra delle mie preferite parla di paranoia e "Crawling", già dall'ascolto la più viscerale, parla dell'abuso sessuale subito dal cantate Chester Bennington; senza dubbio è un album di un certo spessore e potrebbe non essere di facile ascolto la prima volta che si sente, io infatti per molto tempo non ho ascoltato tutte le canzoni, ho imparato con il tempo ad amare l'album completo.
Ora come ora periodicamente me lo risento e dopo tutti questi anni mi sembra sia troppo breve, finisce subito!
 

Non è il loro unico album che ho, nella mia collezione ci sono anche "Meteora" e "Minutes to midnight", mi mancano gli altri tre anche se conosco le canzoni avendole ascoltate dal santo YouTube che da quando non lavoro mi è stato molto utile per ascoltare tutti quei gruppi di cui non posso comprare gli album anche se vorrei.
Che dire di più, apprezzo un casino questo gruppo che secondo me si è sempre differenziato dalla massa con il suo stile riconoscibile al primo ascolto e se non li conoscete provate ad ascoltare qualcosa perché ne vale veramente la pena.
Venendo al dunque, il make up l'ho realizzato in parte ispirato alla copertina (che io avevo in testa) ed in parte al video di "In the end", il risultato è che con la copertina non c'entra una cippa ehehe, io me la ricordavo sui toni del verde militare ed invece è così...non vi dico la mia faccia quando sono andata a controllare come era dopo aver realizzato il trucco, anche perché specialmente per riprendere il colore del militare sulla cover, se controllavo prima, avrei avuto il rossetto perfetto... Diva.
Il risultato comunque è questo..


Ho utilizzato:
- Mario de Luigi Base viso uniformante*
- Bourjois Healthy Mix Foundation n°52 Vanille
- Sample Neve Cosmetics Cipria minerale in Dewy
- Kiko LE "Boulevard Rock" Rock Attraction Blush n°03 Crossroad Pink
- Neve Cosmetics Bronzer in cialda Chocoholic
- Too Faced Shadow Insurance
- Neve Cosmetics Illuminante in cialda Plastic
- Neve Cosmetics Palette "Scurissimi" da cui ho preso Retrò per tutta la palpebra mobile
- Sleek "The Original" da cui ho preso due tonalità di verde sempre per la palpebra mobile
- Sleek LE "Vintage Romance" da cui ho preso Lust in LA per l'angolo interno e la piega, Marry in Monte Carlo per sotto l'occhio e sfumato oltre la piega
- Nyx Jumbo eye pencil n°611 Yogurt come illuminante per l'arcata*
- Kiko LLSE n°15 Lilla sempre sotto l'occhio
- Essence Stay no matter what waterproof eyeliner pen applicato da metà palpebra verso l'esterno
- Wjcon Long lasting eyeliner n°14 Gold Leaf applicato sia la rima esterna superiore dall'angolo interno fino a congiungersi con l'eyeliner che nella rima interna
- L'Oreal Mascara Volume million de cils So Couture
- Neve Cosmetics Lip contouring pencil Perfettina
- Kiko Luscious Cream Lipstick n°514 Magenta

*prodotti omaggio

Cliccando qua come sempre potete vedere il bellissimo make up realizzato da Miki, di cui questa è l'anteprima :)

Ci vediamo, speriamo, a Novembre con ahimè l'ultimo appuntamento della rubrica.
A presto
Patri

6 commenti:

  1. Odio quando i LP vengono annoverati nel genere pop... E' semplicemente ridicolo!
    Comunque il verde militare ci sta, alla fine è un soldato quello sulla copertina ;)
    Diva ci sarebbe stato a meraviglia, Magenta lo vedo troppo "grazioso" per quest'album. Il trucco occhi invece mi piace tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, è una cosa che non sopporto nemmeno io!!

      Si in effetti Magenta non ci sta bene per niente, Diva invece era perfetto, ormai è andata così, pazienza!

      Elimina
  2. Siete state bravissime anche stavolta. La vostra rubrica musicale mi piace sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Sara! Sei sempre carinissima :)

      Elimina
  3. Diva effettivamente ci sarebbe stato perfettamente, il trucco occhi lo trovo azzeccatissimo comunque!

    RispondiElimina

Se lasciate un messaggino fa sempre piacere, GRAZIE!